Pensieri e Parole

In questa sezione potrete trovare gli articoli, gli approfondimenti ed alcune risposte dei formatori Kaloi alle domande poste da genitori, insegnanti, persone. BUONA LETTURA!

 

 

 

 

Amore, troppo amore

di Licia Coppo, pedagogista, formatrice Kaloi e counsellor

Viviamo nell’epoca dei “GENITORI INNAMORATI DEI FIGLI”. Lo testimoniano gli innumerevoli post su facebook, con tanto di album fotografico di ogni momento della vita del figlio, colmi di cuori e di emoticon con gli occhi languidi. Lo testimoniano le maestre, soprattutto quelle della scuola dell’infanzia, che sempre più spesso devono gestire acrobatici colloqui con genitori che non possono sopportare che il loro bambino sia stato sgridato, magari si sia preso una spinta da un compagno di scuola, che quindi abbia pianto. Come se la sofferenza, minima e inevitabile in un percorso di crescita, fosse la loro

I bambini hanno bisogno di regole?

risponde Massimo Caccin, counsellor e fomatore Kaloi

Gentile Massimo, volevo condividere con te un momento di sconforto: nel corso pre-parto che sto seguendo è previsto anche un incontro con una psicologa per il rapporto madre-figlio. Ovviamente ha chiesto delle opinioni a chi, come me, aveva già bimbi a casa e quando ho espresso alcune idee del corso Genitori in Regola sono stata letteralmente attaccata e fatta passare per una madre non attenta ai bisogni del proprio figlio. Il concetto era che i capricci non esistono e che le regole non servono a nulla anzi! Che il bambino ha solo bisogni e che con le regole (figuriamoci le sanzioni…sembrava una parolaccia) noi lo mortifichiamo e ci disinteressiamo di lui… puoi immaginare il mio stato d’animo nell’esser così attaccata di fronte ad altre 20 persone. Comunque la riflessione che ne ho tratto, superato il disagio della situazione, è che essere una minoranza (anche educativa) è sempre scomodo e che le idee degli altri per quanto “urlate” non sono per forza le migliori o quelle con la verità in tasca. … …

Il rispetto è un profumo

di Claudio Cernesi, counsellor e formatore Kaloi

Il pregiudizio e lo stereotipo sono la via più semplice per farsi una prima idea dell’altro. Se l’altro è diverso, la risposta più ancestrale è la diffidenza. Esperienze negative (vere o percepite) trasformano la diffidenza in paura. Diffidenza e paura generano difesa, distanza, rifiuto fino al respingimento e all’allontanamento violento. La differenza diventa stigma, una condanna senza appello e senza distinzioni … …

La via semplice dell’incontro

di Claudio Cernesi, counsellor e formatore Kaloi

È aprile dello scorso anno, sto per iniziare un laboratorio di educazione interculturale in una quinta elementare in provincia di Ferrara. Come sempre, mi chiedo chi ci sarà oltre quella porta. Come sempre, i bambini si chiedono chi entrerà da quella porta. La maestra mi accoglie e lascia che sia io a prendere contatto con la classe.  Non dico nulla per qualche minuto, semplicemente guardo e mi lascio guardare. È un inizio tranquillo, di occhi ed emozioni. Vedo visi curiosi, sento qualche risata, noto qualche sguardo timido e smarrito … …

Social Media e terrorismo: pensare o pregare?

di Gregorio Ceccone, educatore e formatore Kaloi, e Angela Biancat, Social Media e Community Manager

Sentimenti forti non possono che pervadere il nostro cuore in queste ore di paura. L’Europa non è più abituata a subire tali devastazioni e l’intelligenza collettiva on-line esprime come può dolore, sbigottimento e solidarietà. In questi giorni tutti ci sentiamo allagati emotivamente da un flusso di stimoli e impulsi differenti: informazioni, video, chiacchiere, che provano a descrivere un sentire comune, fatto di paura e dolore. E’ molto difficile controllare le nostre “pance” e rimanere critici verso le nostre azioni. Tutto può essere scritto e detto di getto. Istintivamente. In questo momento delicato conviene fermarci, respirare e capire cosa stiamo provando, facendo e accettando … …

Autunno: accompagnare l’ambientamento al “nido” o alla scuola dell’infanzia

di Giacoma Di Marco, pedagogista, formatrice Kaloi e counsellor

L’autunno, la scuola è ricominciata. La stagione in cui per alcune migliaia di bambini è iniziato un periodo davvero impegnativo, fatto di nuove conoscenze, ambienti nuovi e nuove maestre: è quello che succede anche a tutti i piccoli che per la prima volta iniziano a frequentare l’asilo nido o la scuola per l’infanzia. Nel corso degli anni portare il bambino al nido e/o alla scuola dell’infanzia è diventata una opportunità per le famiglie e non solo una necessità … …

Decalogo per un buon anno scolastico

di Licia Coppo, pedagogista, formatrice Kaloi e counsellor

Non a caso la scuola inizia a settembre. Credo non ci sia mese più adatto: un giorno fa caldo, il giorno dopo sferza un vento gelido, una mattina piove, un’altra c’è il sole. L’autunno è mutevole tanto quanto sono ambivalenti i sentimenti che accompagnano l’inizio delle lezioni. … …

E’ fatto così!

di Sabina Castelnuovo, pedagogista, formatrice Kaloi e counsellor

Scuola dell’infanzia, un giorno come un altro. È il momento dell’uscita, e nel giro di un quarto d’ora mamme, papà, nonne e babysitter si affacciano alla porta dell’aula; i bimbi sono seduti in cerchio, e quando arriva il loro turno si alzano, vanno loro incontro, salutano la maestra, e corrono verso l’uscita. Oggi però è diverso, dev’essere successo qualcosa: quando entro nell’aula, mia figlia Margherita col faccino preoccupato, sta guardando la maestra che parla con un suo compagno. … …

Sexting, sesso e social media

di Paola Breseghello, counsellor, cultrice di scrittura autobiografica LUA, formatrice Kaloi

Sono in aula, ho di fronte una ventina di ragazze e ragazzi di terza media. E’ il secondo incontro del progetto Sicur@mente.  Faccio partire il  video, consapevole che la discussione si farà calda. Hot. Si parla di sexting (sex-texting), lo scambio di messaggi e immagini sessualmente esplicite. … …

In vacanza con i bambini. Un viaggio è un viaggio

risponde Manuela Zorzi, psicologa e formatrice Kaloi

Le vacanze si avvicinano, che meraviglia! Eppure sono già in ansia per il viaggio fino in Puglia (abitiamo in Veneto). Ho 2 figli di 4 e 7 anni, in macchina passano il tempo a litigare o a lamentarsi. Un incubo. Mi può dare qualche consiglio? … …

Aiutarsi con l’Auto Mutuo Aiuto. Noi, genitori di figli adolescenti

di Valeria Magri, counsellor e formatrice Kaloi

E’ un pomeriggio di ottobre, la scuola è iniziata da poco e i genitori del nostro gruppo di auto mutuo aiuto sono molto preoccupati. Si tratta di un gruppo di genitori di figli adolescenti che si trovano, a cadenza quindicinale, per parlare di problemi inerenti la relazione con i figli, per scambiarsi le esperienze e trarre un po’ di sollievo nella condivisione. Il gruppo si chiama “Adolescenza Insieme”. … …

Aziende in buona salute

di Lucilla Rizzini, mediatrice interculturale, business coach, formatrice Kaloi, fondatrice Ellecubica

15 novembre, piove a dirotto. Sono in macchina, sto rientrando da una giornata in azienda dove ho tenuto il secondo incontro di formazione The Difference Kaloi. Ripercorro le ore appena trascorse, i volti, gli scambi con i partecipanti, i momenti di riflessione, di leggerezza e sono soddisfatta: il corso sta muovendo energie promettenti. Sono immersa in questi pensieri quando squilla il cellulare. … …

Adozione, un’esperienza

risponde Barbara Bravi, pedagogista, counsellor e formatrice Kaloi

Cara Barbara, il cammino dell’adozione si è rivelato più difficile del previsto, a volte ci sentiamo scoraggiati e Carlo ha parlato di mollare. Non so più dove trovare le energie e cosa sia meglio fare. E’ stato così anche per te? Come hai fatto ad arrivare fino in fondo? … …

Rigore e dialogo con i giovani, croce e delizia

di Fulvio Baralis, counsellor professionista e formatore Kaloi

Sto iniziando la mia prima lezione in uno dei tanti corsi che svolgo da anni con i lavoratori apprendisti, giovani tra i 18 e i 30 anni. Biologicamente adulti, non sempre nei comportamenti. Oggi è il loro primo giorno d’aula. … …

Colloquio genitori a scuola: scontro o possibilità di dialogo?

risponde Maria Nives Delise, insegnante, counsellor professionista, formatrice Kaloi

Insegno in una classe prima della scuola primaria e durante i colloqui con i genitori trovo difficile parlare dei comportamenti aggressivi tenuti dai loro figli in classe e con i compagni. Spesso i genitori sembrano non credere alle nostre parole e fanno fatica ad ammettere l’esistenza di questi comportamenti.Quale potrebbe essere il modo migliore per comunicare questi eventi e poter affrontare insieme le situazioni di “difficile convivenza” senza creare un blocco nella comunicazione? … …

Aspettando il Natale

risponde  Giacoma Di Marco, formatrice Kaloi

Sono mamma di tre bimbi: Filippo di 10, Giovanna di 7 e Martina di 5 anni. Come ogni anno in questo periodo siamo tutti affaccendati a preparare gli addobbi in casa, oltre a dolci natalizi, piuttosto che le statuine del presepe. Filippo e Giovanna qualche giorno fa mi hanno detto che loro non vogliono credere in Babbo Natale e soprattutto si sono rifiutati di aiutarmi nei preparativi: preferiscono passare il loro tempo guardando la televisione o giocando col telefonino. Sono amareggiata e disorientata…cosa dovrei fare? … …

Era mio padre

di Paola Breseghello, counsellor, cultrice di scrittura autobiografica LUA, formatrice Kaloi

Papà sta morendo. Sono al suo fianco, lo osservo mentre riposa.  Ogni tanto si sveglia dal torpore di morfina, è infastidito dal ribollìo della vaschetta d’acqua per l’ossigeno, chiede di eliminare quel rumore. Papà, non ti sembra il suono delle bombole nelle nostre immersioni? Ricordi, papà?  Sembra di essere sott’acqua… Sorride e si addormenta. Sogna sereno, papà! Sogna il tuo mare… …

Un talento in crisi

risponde Lucilla Rizzini, life-career & sport coach

Mio figlio Lorenzo di 15 anni gioca a calcio, è portiere in una squadra locale e tutti noi, allenatori e dirigenti compresi, crediamo possa avere un futuro in questo ruolo. Da qualche mese, però, lui non vuole più andare al campo, inventa scuse di ogni tipo per non allenarsi e anche in partita fa errori che prima non faceva. Cosa devo fare? Non voglio che abbandoni e rinunci a questa grande opportunità. Lui ha un grande talento. … …

Educare all’ottimismo

di Manuela Zorzi, psicologa e formatrice Kaloi

Paola è una donna di 74 anni, è appena stata rapinata a Barcellona. Viaggia in auto da sola, ha già percorso 1200 Km. Ne mancano ancora 600 per arrivare a Torrevieja, dove passerà l’inverno. Costa meno l’affitto al caldo del riscaldamento al freddo. Le hanno bucato un pneumatico con cinque coltellate, rubato la borsa con soldi, documenti e iPad. Scossa e disorientata, riflette sul da farsi. … …

 Il figlio che non vuole crescere

risponde Giusi Dossena, counsellor e formatrice Kaloi

Giusi dimmi cosa devo fare con mio figlio! Non so più cosa sia giusto e cosa sia sbagliato, le cose con lui non vanno bene per niente e sono molto preoccupata! Vorrei parlargli ma ho paura di dire cose sbagliate… …

Social media, dai rischi alle opportunità

di Gregorio Ceccone, educatore e formatore Kaloi

“Volevo ringraziarla per avermi rassicurato, per avermi aiutato a capire che con le nuove tecnologie non ci sono solo pericoli e rischi ma anche delle opportunità. Se ne sentono tante… spesso si parla solamente dei lati negativi e a noi genitori aumenta la paura di essere inermi di fronte ad un mondo pieno di pericoli digitali…insomma grazie!” … …

Un caso di cyberbullismo, che fare?

risponde Paola Breseghello, counsellor, cultrice di scrittura autobiografica LUA, formatrice Kaloi

Ciao Paola, sono un’alunna di terza media, ho partecipato al tuo corso sulla cittadinanza digitale e la sicurezza online, volevo chiederti un consiglio. Su Facebook ho ricevuto minacce e ingiurie che mi hanno spaventata molto, cosa devo fare? … …

Ho educato mio figlio a valori da “pesce fuor d’acqua”

risponde Stefano Contardi, educatore e formatore Kaloi

Ho da sempre educato mio figlio Pietro alla tolleranza ed alla solidarietà, ma nessuno dei suoi coetanei ha questi valori, si sente un pesce fuor d’acqua. Come madre mi sento in colpa. Non so come comportarmi con lui, ormai ha quasi quattordici anni. Cosa faccio? Posso dirgli di cancellare tutto quello che gli ho passato? … …

C’è tempo per ogni cosa e ogni cosa ha il suo tempo

di Licia Coppo, pedagogista, formatrice Kaloi e counsellor

“Oh, c’è tempo, c’è tempo”, avrebbe detto mia nonna. Di fronte a una nuova esperienza per un bambino, un gioco, una gita, uno sport, un viaggio, lei avrebbe detto proprio così: “è piccolo, ne ha di tempo davanti!”.  E’ uno dei tanti principi pedagogici che oggi vacillano: il principio della gradualità. … …

SOS compiti delle vacanze

risponde Sabina Castelnuovo, pedagogista, formatrice Kaloi e counsellor

Mio figlio, 9 anni, non ha mai voglia di fare i compiti … ogni giorno sono capricci, musi lunghi o  promesse che ne farà di più domani; dice che è stanco, che vuole giocare, vedere la TV, etc. Ho provato ad aspettare, a dargli fiducia, ma se non urlo lui non inizia nemmeno. E dopo meno di un quarto d’ora, già si lamenta e ci sono altre discussioni! Deve leggere un libro ma è chiuso sul comodino da quando l’abbiamo comprato. Cosa devo fare? Lasciargli godere le vacanze o continuare a insistere? Non finirò col fargli odiare la scuola?

Ognuno può dare solo ciò che ha

di Quirina Fornasiere, formatrice Kaloi e counsellor

Un giorno un uomo ricco consegnò un cesto di spazzatura ad un uomo povero, questi se ne andò con il cesto, lo svuotò, lo lavò, lo riempì di fiori, ritornò dall’uomo ricco e glielo consegnò. L’uomo ricco si stupì e gli chiese: “perché mi hai dato questi fiori se io ti ho dato spazzatura?” L’uomo povero gli rispose:  “Ogni persona dà agli altri ciò che ha…. nel cuore”! … …

Mio figlio è geloso

risponde Licia Coppo, pedagogista, formatrice Kaloi e counsellor

Mio figlio Matteo di 4 anni è diventato improvvisamente molto geloso della sorellina, adesso che ha 8 mesi ed ha cominciato a gattonare. I primi tempi non lo era, invece ora appena può la pizzica, la spinge e la fa cadere a terra, non tollera che lei tocchi i suoi giochi, dice a tutti che “Sara è brutta e cattiva e che lui la odia”! Se reagiamo con duri castighi, sembra quasi peggio, ma non possiamo non fare nulla. E se poi facesse davvero male alla piccola Sara? Così ultimamente non faccio altro che separarli, ma appena mi giro un secondo lui la tortura e lei urla! Siamo molto preoccupati. Cosa dobbiamo fare? … …

La bicicletta gialla

di Massimo Caccin, formatore Kaloi e counsellor

Era una sera dei primi giorni di marzo ed ero in compagnia di un gruppo di genitori per approfondire la tematica delle regole e le modalità più efficaci per trasmetterle ai figli. Decisi di narrare un episodio della mia vita.La finalità era quella di stimolare il pensiero sul fatto che la narrazione di sé sincera, profonda, partecipata e vissuta è un’opportunità coinvolgente per la trasmissione di valori e regole di vita. Quello che era nato come spunto formativo divenne un’esperienza sorprendente. … …

 

Ti sono piaciuti i nostri articoli?

Seguici su FACEBOOK, così non perderai le prossime pubblicazioni!

Translate »